martedì 9 agosto 2011

Baseball

Partita di baseball. Mai vista una. Io sono italiano medio: preferisco il calcio, ma dato che Marco è un amico mi sono fatto convincere a passare una domenica sul diamante. Non proprio sopra, di fianco, sugli spalti, con altri quattro personaggi dall'aria filo americana. La prima cosa che noto è che mi riuscirebbe difficile colpire una pallina così veloce con quella piccola la mazza, e come mi capita spesso lo accenno a uno dei quattro seduto accanto a me.
"Devi cercare di guardare la palla quanto più possibile, il resto va da sé..." segue una legnata del battitore che porta la palla a una distanza considerevole.

Questa tecnica mi è stata confermata anche da altre persone dell'ambiente baseball, l'occhio sulla palla: l'obiettivo, il resto va da sé nel senso che si tratta di coordinarsi bene, provare, allenarsi, trovarsi preparato all'approccio.

Io credo che anche nelle relazioni, in tutti i campi l'occhio deve rimanere sull'obiettivo. Abbiamo già accennato come ogni relazione abbia il suo scopo, genericamente però possiamo dire che la fretta di buttarsi su di esso può essere controproducente.
Qualche anno fa una persona che voleva consigliarmi su come portare avanti una trattativa commerciale mi disse di agire cercando di non far capire all'altro le vere intenzioni. Quando mi sono dimenticato questa cosa ho cominciato ad ottenere qualche risultato. 
 Piuttosto:
  • Credo nella trasparenza dell'intento ma non nell'insistenza, preferisco che si arrivi insieme allo scopo della relazione.
  • Credo nel fatto che ogni persona abbia una storia interessante, anche se non coincidente con i miei obiettivi.
  • Credo più nel rispetto delle scale di valori che nel raggiungimento ad ogni costo degli obiettivi.
And you?


2 commenti:

  1. Sono venuto a leggermi questo post perché ho giacato a baseball per qualche anno a livello dilettantistico, e mi incuriosiva che qualcuno in Italia ne parlasse... Poi ovviamente ho trovato tutto molto interessante e alla domanda "And you?" rispondo con "me too".
    Anche io sono convinto che la trasparenza alla fine paga (anche se qualche volta ti devi sudare le famose 7 camicie), che ognuno ha cose interessanti da dire (per questo preferisco parlare poco ed ascoltare molto), e che le scale di valori che ognuno si da e cerca di rispettare sono fondamentali per costruire relazioni (anche commerciali) di lunga durata. La "pirateria" (come la chiamo io) può anche darti un risultato immediato, ma alla lunga rimani un perdente...

    RispondiElimina
  2. Grazie mille del tuo commento, la mia era una semplice metafora...se vuoi vontinuare con l'immagine essendo più 'esperto' ti lascio carta bianca ;)...a presto se ti andrà di seguirmi sul blog.

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato il tuo segno! Sarà pubblicato al più presto... :)

Si è verificato un errore nel gadget