martedì 4 ottobre 2011

Stimolare la creatività

Di ritorno da un favoloso viaggio di nozze e reimpostate alcune abitudini (tra cui l'accesso alla rete) vi dedico questo Post post - nel senso di dopo - matrimonio...

Ho appena finito di leggere "Shakespeare e il management" di Paul Corrigan
L'autore ci racconta come i manager del giorno d'oggi abbiano parecchio da imparare dai leader scespiriani. Nella lettura si viene coinvolti dagli interessanti paralleli tra un ipotetico leader moderno e Enrico IV, Antonio, Riccardo III o Re Lear. Mi sono avvicinato a questo titolo perchè volevo approfondire il rapporto tra teatro e relazioni pubbliche, in effetti, un P.R. manager deve essere un po' attore. 
Una social-amica mi aveva passato una definizione del P.R. che diceva, più o meno: "Il P.R. è colui che riesce ad uscire da una stanza vestito in un modo e ritornarci con altri abiti, senza destare perplessità negli astanti". Chiedo scusa all'amica per la licenza poetica. 

Un concetto che mi ha colpito si trova nelle prime pagine del libro, in cui si menziona Drucker, studioso di management:  
"La responsabilità, non la soddisfazione, è l'unica cosa che vi servirà. Si può essere soddisfatti di quello che qualcun altro sta facendo; ma per ottenere una performance efficace ci si deve assumere la responsabilità delle proprie azioni e del loro influsso. Per essere efficaci, infatti, occorre essere insoddisfatti, voler migliorare.
Quindi un imprenditore deve vivere nell'inquietudine, si tratta di quella continua voglia di fare, di ricercare, la necessità di farsi coinvolgere dalla novità. Possiamo chiamarla creatività. 

Io credo che chi si occupa di P.R. deve stimolare la creatività, agitare le acque per portare il manager a quella inquietudine che gli fa accendere le lampadine. Questo perché io vedo la creatività come un mix tra esigenze e obiettivi del mercato e inventiva dell'imprenditore, e chi sta in mezzo tra i due? Qualcuno che sappia ascoltare e tramettere quanto recepito. Magari amplificando per bene...

1 commento:

  1. La maieutica socratica: instillare dubbi per giungere alla verità!
    Paolo

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato il tuo segno! Sarà pubblicato al più presto... :)

Si è verificato un errore nel gadget