lunedì 4 giugno 2012

Infans (senza parola)

Il termine infante deriva dal latino e vuol dire senza parola. L'ho scoperto leggendo il libro di Stefano Bartezzaghi "Come Dire: il galateo della comunicazione". 
C'è un bel capitolo dedicato alla comunicazione del bambino, mi ha colpito molto l'argomento della "Sindrome Fis". 
Negli anni 60' in un laboratorio di linguistica inglese, è stato intervistato un bambino che chiamava il suo pesce di plastica "Fis", senza la h finale. Il linguista incaricato di seguire il ragazzino ha insistito per un po' a chiedere se quello fosse il suo "Fis" (imitando il pargolo), avendo come risposta una serie di secchi no. Solo quando l'adulto ha provato a fare la domanda utilizzando la parola giusta, con l'h finale, il piccolo ha risposto "Yes".
In questo Bartezzaghi vede il fatto che l'orecchio del bambino ascolta in maniera corretta, ma non riesce a riprodurre gli stessi suoni. 

Molto semplice quello che mi viene in mente, l'ascolto si sviluppa prima della parola. Con ascolto intendo la capacità di registrare ciò che ci viene proposto, sia esso verbale o non verbale. I bambini in effetti colgono e apprendono molto in fretta, ad una certa età sono proprio delle spugne. Ho degli amici che sono rimasti tali anche da grandi, ma non nel senso di apprendimento. :)

Impariamo ad ascoltare prima di parlare, e poi crescendo ce lo dimentichiamo.

Ancora più interessante è il fatto che il linguista cerca di parlare imitando il linguaggio del piccolo, ma per tutta risposta non viene capito.
Gli imitatori lasciamoli allo spettacolo o al mondo del varietà, troviamo un modo di comunicare che sia originale e che arrivi chiaro alla nostra controparte. 

Pensando anche al mondo reale: quanto è goffa una persona attempata che tenta di vestirsi ancora da adolescente? E quanto è invece, accattivante l'adulto che ha le idee fresche e brillanti come un "giovane di belle speranze"?

4 commenti:

  1. bellissimo! Uno stimolo a rimanere sempre piccoli, non "gggiovani"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero Paolo...con la G maiuscola!!

      Elimina
  2. Cute story. ;) I agree, one of the biggest failures we as marketers have to deal with, is the art of listening...Not many know how.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I know that you are one to listen to! Thank you... :)

      Elimina

Grazie per aver lasciato il tuo segno! Sarà pubblicato al più presto... :)

Si è verificato un errore nel gadget